Un pomeriggio fotografico al Castello del Catajo

Il Castello del Catajo, nella mia lente per un pomeriggio

La pioggia incessante di una domenica di maggio, il cielo che provvidenzialmente pian piano schiarisce e un castello ad attendermi.
Inizia così la mia avventura da foto amatrice nello storico complesso del Castello del Catajo a Battaglia Terme, nell’entroterra padovano verde dei suoi rigogliosi Colli Euganei.

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Se non fosse stato per un timido spiraglio di luce solare scorto all’orizzonte, ora non starei scrivendo queste righe. La mia curiosità ha avuto la meglio su un fronte temporalesco di tutto rispetto che, domenica 15 maggio, ha investito la nostra città per diverse interminabili ore.
La voglia di cogliere un’opportunità e di concedermi una passeggiata fotografica nella nota dimora storica ha prevalso sul timore di rientrare fradicia come un pulcino.

Sono stata baciata dalla grande fortuna di essere selezionata in un Contest per foto amatori. A disposizione di quest’ultimi l’intera struttura del Catajo per degli scatti senza troppe limitazioni di luogo o di tempo.
Per un amante della fotografia praticamente un invito a nozze!

Armata delle mie innocue lenti, alla compagnia della mia sola Reflex, ho passeggiato libera e indisturbata in quello che, a ben vedere, è un complesso a dir poco enorme.
Addentrarsi nei locali che furono degli Obizzi, ricchissima e potente famiglia presente a Padova già nel XIV secolo, nelle sale affrescate che raccontano la storia leggendaria di quest’ultimi e che riempiono occhi e cuore di grandi emozioni, è stato per me un grande privilegio. Una sorta di illustre album famigliare quello narrato sulle pareti del piano nobile, una tale ricchezza di decori difficilmente ricordo di averla vista in altre dimore storiche del territorio.
Peccato non potervi mostrare le foto che ho realizzato negli interni, gli accordi infatti prevedono la non divulgazione. Vi basti però sapere che il mio grandangolare ha fatto il suo dovere!

Mi sono concentrata sugli esterni e sui dettagli, come piace a me. Avrei certamente preferito un vivace cielo azzurro a contrastare con il verde della rigogliosa vegetazione, ma a farmi compagnia ho trovato un cielo un po’ bigio, con nubi sparse e qualche timido raggio di sole

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini
La grande terrazza per le feste estive
Castello del Catajo - foto di Cristina Papini
Una delle torrette ai quattro lati della terrazza
Castello del Catajo - foto di Cristina Papini
Un richiamo allo stemma della famiglia Obizzi
Castello del Catajo - foto di Cristina Papini
Un dettaglio della monumentale fontana all’ingresso della struttura
Castello del Catajo - foto di Cristina Papini
Dettagli della cinta muraria

Il castello è veramente imponente anche se la parte visitabile è complessivamente piuttosto ridotta. Mi è stato concesso di spostare qualche catenella, per accedere anche ai luoghi normalmente chiusi al pubblico. E io L’ho fatto, eccome se l’ho fatto.
Curiosa ma rispettosa mi sono infilata qua e la; nelle torrette che circondano l’ampia terrazza, nei piani superiori, nel piccolo cortile interno.
Ho osservato.
Mi sono goduta ogni istante e mi sono scoperta a non scattare, come se quei momenti fossero solo per me, da conservare nella memoria, non della fotocamera.
Un regalo di certo, uno dei tanti doni preziosi che la grande rete è stata in grado di farmi.

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Cessata ogni precipitazione, mi sono goduta il grande parco antistante il castello, con quel laghetto che offre preziose riflessioni, non solo visive.
Una distesa di ninfee in boccio e qualche animale acquatico. Un tasso, a farmi compagnia tra le fronde del fitto boschetto, tutto bagnato e alla ricerca di cibo. Ho provato ad avvicinarmi per immortalarlo ma lui è goffamente scomparso infilandosi nei cespugli.

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Prima di rientrare ho osservato dall’esterno la parte più decadente del castello, quella sul retro. Quanto mi sarebbe piaciuto addentrarmi anche li, tra squarci e fitta vegetazione. Non ne ho avuto il coraggio, lo ammetto, anche se ho provato ad immaginare che cosa avrei potuto trovarvi all’interno.

Castello del Catajo - foto di Cristina Papini

Ringrazio di cuore i ragazzi della Comunicazione che mi hanno selezionata per realizzare questi scatti. Per me è stato un onore e un momento di arricchimento personale. Grazie ancora.

In ultimo mi auguro vivamente che con la nuova proprietà del Castello del Catajo si possa sperare in un recupero completo degli edifici, per riportare alla luce la maestosa vivacità che deve aver caratterizzato questa dimora nei suoi anni di maggiore splendore.
Per chi avesse piacere di approfondire la storia della monumentale struttura rimando al sito ufficiale.

LINK UTILI

www.castellodelcatajo.it

Via Catajo, 1
35041 Battaglia Terme (PD)

Cristina Papini


PH Galline Padovane
© 2016 Galline Padovane – Tutti i diritti riservati
Resta in contatto: Facebook – Instagram – Condividi usando #gallinepadovane

One thought on “Un pomeriggio fotografico al Castello del Catajo

Comments are closed.