Un weekend a Cortina, la regina delle Dolomiti

Ospite dell’Hotel Ambra per un weekend a Cortina

Non smetterò mai di stupirmi del vasto patrimonio paesaggistico di cui gode il nostro Veneto: mari, montagne, laghi, una varietà che regala emozioni sempre nuove.
Lo scorso weekend la mia famiglia ed io siamo andati alla scoperta di Cortina, ospiti del prestigioso Hotel Ambra, e vi abbiamo trovato quel raro senso di appartenenza che solo pochi altri luoghi sono in grado di dare. Non è facile raccontare a parole le emozioni di certi momenti, ecco perché scatto sempre molte foto, per imprimere ancor meglio (e poi condividere) le sensazioni provate in quei precisi istanti.

Cortina strada del convento

Sono colpita. Lo ammetto senza timore, non sono un’assidua frequentatrice di località montane e Cortina non rientra nelle mie destinazioni abituali per le vacanze, meno che meno estive.
Ma c’è un ma…
Il desiderio di respirare aria fresca e pulita, allontanandoci dalla calura patavina, e la voglia di esplorare un territorio a noi poco noto ci ha spinti a provare. E ne siamo entusiasti!

IL NOSTRO WEEKEND A CORTINA

Incastonata tra le sue montagne, Cortina ti accoglie con un panorama che mozza il fiato. Lo sanno bene i molti villeggianti che in questo periodo si concedono le bellezze dolomitiche ma per me, che sono più un tipo da Lago di Garda, è una sorpresa che merita un wow!
Poco importa la presenza delle alte nubi che hanno accompagnato parte del nostro soggiorno, il fascino del luogo si è fatto ugualmente notare.
Per meglio apprezzare le peculiarità dell’entroterra ampezzano, ci siamo lasciati consigliare dal personale dell’hotel e per il nostro weekend abbiamo scelto due itinerari principali…con vista.

1° itinerario 
Appena lasciato il centro di Cortina abbiamo percorso la strada del convento, il sentiero che unisce il comune bellunese alla sua località Campo. Qui avrò scattato almeno un centinaio di foto (di cui alcune molto speciali che vedrai in uno dei prossimi post) per un percorso tutto sommato breve e adatto a grandi e piccini.
Man mano che procedi nella passeggiata vieni rapito dalla bellezza delle montagne: le Tofane, il gruppo Sorapìss, il Folaria. Alle tue spalle lasci il bianco campanile per immergerti nel verde più intenso, così a portata di mano, così lussureggiante.

Cortina strada del convento

Cortina strada del convento

Cortina strada del convento

Cortina strada del convento

Cortina strada del convento

Centro di Cortina

Cristina Papini Cortina

Cristina Papini Cortina

Nel pomeriggio siamo saliti un po’ più in quota fino a raggiungere la seggiovia coperta di Bàin de Dònes che porta al 5 torri – Rifugio Scoiattoli, a 2255 m. Siamo però stati investiti da un importante acquazzone e la temperatura, già fresca, è scesa bruscamente a 8 gradi. Non eravamo attrezzati per questo clima e siamo rientrati per concederci una tisana calda e incontrare la deliziosa Odilla, lettrice del blog e titolare di cortinawedding, per poi tornare in albergo a godere il tepore della nostra bella stanza fino all’ora di cena.

2° itinerario
Il Lago di Misurina, a meno di 30 minuti da Cortina, è stato la nostra scelta per la visita della domenica. Il lungo percorso attorno al lago, intervallato dalle tante foto e dalle piccole-grandi scoperte di Andrea, ha impresso piacevoli ricordi nel nostro soggiorno ampezzano. Mio marito è salito a 2115 m con la seggiovia Col de Varda mentre Andrea ed io giocavamo sul lungo lago.

Cristina Papini - Lago di Misurina

Uccellino Lago di Misurina

Grill house Lago di Misurina

Lago di Misurina

Stella Alpina

Cristina Papini Lago di MIsurina

Dove mangiare a Cortina?
Segnalo il consiglio di una lettrice che nel direct di Instagram mi ha proposto il ristorante Vizietto. Atmosfera semplice e curata, locale per nulla caotico. Ottimo cibo proposto con elegante ricercatezza.

HOTEL AMBRA

Quel giusto mix di modernità e tradizione, una perla nel cuore pulsante di Cortina ad un passo dal corso principale, dalla movida ampezzana e dalle strepitose formazioni montuose che rendono questo luogo unico.
La mia famiglia ed io abbiamo alloggiato all’ultimo piano della struttura, nell’area dedicata alle suites. La nostra stanza, Hockey il suo nome, ha regalato a tutti noi emozioni uniche; una via di mezzo tra una calda ed accogliente baita di montagna e le coccole che solo una lussuosa stanza d’hotel è in grado di dare. Morbidi accappatoi, ciabattine imbottite, wi-fi, bollicine rosate di benvenuto, frutta, e quell’atmosfera tipica della boiserie e dell’arredamento in legno.
Il mio metro è il piccolo Andrea, quando lo vedo sereno e sorridente in un ambiente nuovo significa che il gradimento è massimo, e i bimbi in questo non mentono.
Apprezzato anche da mio marito, ci siamo goduti ogni singolo dettaglio della struttura: dal gradevole ingresso che si apre sulla sala del caminetto, così elegantemente arredata, alla stanza per le colazioni, ricco risveglio mattutino.
Tutt’intorno l’accoglienza dello staff, disponibile e sorridente, prodigo di consigli che a ben vedere ci sono stati parecchio utili per meglio addentrarci nel territorio.

Un vero peccato non aver potuto incontrare Elisabetta Dotto, titolare dell’hotel, trattenuta fuori città da alcuni impegni imprevisti. Di lei mi è piaciuto il voler essere presente, seppur distante, raggiungendoci con un saluto telefonico, accogliendoci nella sua preziosa struttura che tanto parla di lei e delle sue inclinazioni e passioni.
Come l’arte contemporanea, che condividiamo evidentemente…quelle opere di Rabarama mi hanno fatto brillare gli occhi.
Una locandiera 2.0,  così attenta alle esigenze del mondo moderno senza però mai dimenticare il lungo percorso fatto nell’industria alberghiera. Questo hotel è uno specchio di lei così curato in dettagli e atmosfere.

Cortina in estate? Si, grazie!

LINK E INFO UTILI

www.hotelambracortina.it

Via XXIX Maggio, 28
32043 Cortina d’Ampezzo (BL)

 

Cristina Papini


PH Galline Padovane
© 2017 Galline Padovane – Tutti i diritti riservati
Resta in contatto: Facebook – Instagram – Condividi usando #gallinepadovane

2 thoughts on “Un weekend a Cortina, la regina delle Dolomiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *