Iscriviti alla newsletter per avere accesso alle promozioni riservate alla community delle #gallinepadovane e restare aggiornata sulle novità del blog!


Il Moscato Maeli, l’oro giallo dei nostri Colli Euganei

Pubblicato su

Alla scoperta della cantina Maeli, culla del Moscato Giallo

Come sai, sono da sempre una grande estimatrice del territorio padovano e i Colli Euganei, in particolar modo, hanno per me un richiamo fortissimo. I morbidi panorami, la natura rigogliosa, i profumi caratteristici evocano in me ricordi ed emozioni che racconto con gioia attraverso le pagine di questo blog.
Ed è proprio in queste zone, alle porte di Baone (PD), che ho avuto l’opportunità di conoscere Maeli, eccellenza padovana nella produzione vitivinicola e culla del Moscato Giallo dei Colli Euganei. Un gioiello immerso nel verde, che ti cattura per l’estrema cura dei particolari, un luogo intimo e raccolto dove poter ammirare e celebrare il buon vino in tutte le sue peculiarità.

Oggi ti porto alla scoperta di questa bella realtà produttiva nel cuore dei nostri Colli, e ti presento Elisa Dilavanzo, sua titolare, che della passione per il Moscato Giallo ha fatto una scelta di vita e di coraggio.

Come nasce il famoso Moscato Giallo Maeli

Il Moscato Giallo in verità è conosciuto ai più con la denominazione di “fior d’arancio”. Ma non farti ingannare da questo nome così delicato perché in verità si tratta di un vino dalle solide basi, con un titolo prestigioso di DOCG raggiunto nel 2011.

Se è vero che in un nome è racchiusa un’identità, in Maeli vi è tutto il significato dei nostri Colli Euganei. Un territorio variegato che si fonda sulla mescolanza di più elementi tra cui il terreno di origine vulcanica ricco di trachite, calcare e argilla, che nel vigneto entra in contatto con la marna e il limo, componenti tipiche di queste terre. E’ da questa preziosa commistione che nasce il nome Maeli.

Ho avuto il piacere e l’onore di essere accompagnata da Elisa, meglio nota come la “signora del fior d’arancio”, in una visita guidata presso le cantine e i terreni Maeli. Profondamente legata ai suoi vitigni, Elisa mi ha raccontato che la vendemmia è stata anticipata di qualche giorno grazie alle particolari condizioni climatiche, e l’annata è stata decisamente ottima e abbondante. In ottobre, mese che ci ha regalato giornate strepitose, il vino riposava nelle botti per giungere alla piena maturazione e proseguire con il processo di imbottigliamento.

La cantina Maeli, cultura e design vista colli

La cantina è una struttura dal design pulito e lineare che si sviluppa sotto le linee morbide dei colli. La sua posizione consente alla tecnologia di sposarsi con il territorio, creando un legame che si fonde e non predomina. Le ampie vetrate lasciano spazio alla trachite, la pietra vulcanica dei Colli Euganei e di cui sono fatti i muri esterni; l’insieme dà origine ad un gioco di luci e ombre, di interni ed esterni perfettamente integrati.

Nell’area produttiva sono entrata in punta di piedi, quasi a non voler disturbare il riposo del prezioso Moscato giallo. Centinaia di bottiglie perfettamente impilate mi hanno accolta con i loro brillanti bagliori dorati, qui prende vita un prodotto eccellente che parla delle nostre terre e di antiche maestranze.

Nella cantina Maeli si producono circa 60.000 bottiglie l’anno, a scelta tra:

Praticamente paradiso per gli intenditori del genere!
La mia visita si è conclusa con una passeggiata nella vigna, quella storica che incornicia la cantina e a cui Elisa è talmente affezionata da aver fatto dipingere di giallo le travi che danno inizio ad ogni filare.
Un suggestivo aperitivo il nostro, in mezzo al vigneto, accompagnato da uno splendido sole come ad enfatizzare la maestosità dei colli. Una passeggiata emozionante che ha ripercorso la storia della titolare, una donna bellissima, forte, determinata. Insomma, un’atmosfera d’altri tempi che unisce il buon vino alla convivialità e alla natura del luogo.

Se ami il buon vino non puoi perdere l’opportunità di programmare una visita alla Cantina Maeli, aperta tutto l’anno e disponibile ad accompagnare l’utente attraverso diversi percorsi di degustazione.

Maeli è anche accoglienza grazie alla presenza della deliziosa Winery House.

CANTINE APERTE A NATALE

Non perdere l’opportunità di vivere la magica atmosfera delle feste in Cantina. Cogli l’occasione per pensare anche a dei regali prestigiosi da mettere sotto l’albero e brindare all’arrivo di una nuova stagione. Maggiori info nel sito Maeli.

 

LINK E INFO UTILI

www.maeliwine.it

Maeli Società Agricola S.S.
Via Dietro Cero 1/C
35030 Baone (PD)
p.i. 04833860283

Per info e prenotazioni: house@maeliwine.com

Post in collaborazione con Cantina Maeli

Cristina Papini

PH Una marmellata di foto
© 2018 Galline Padovane – Tutti i diritti riservati
Resta in contatto: Facebook – Instagram – Condividi usando #gallinepadovane

Cosa pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora nessun commento.