Iscriviti alla newsletter per avere accesso alle promozioni riservate alla community delle #gallinepadovane e restare aggiornata sulle novità del blog!

Di Rocco Bistrot, creatività in cucina e panorama mozzafiato a Noale

Pubblicato su

Creatività, modernità e tradizione si sposano da Di Rocco Bistrot, l’elegante ristorante di Noale

Nel centro storico della deliziosa Noale, alle porte di Venezia, vi è un locale interessante non solo per le sue originali e creative pietanze, ma anche per la suggestiva posizione. Si tratta di Di Rocco Bistrot, il ristorante ai piedi della Rocca dei Tempesta che stupisce per la raffinatezza delle portate e per l’affaccio da capogiro.
Ho avuto l’opportunità di provarlo assieme alla mia famiglia una sera di agosto: la nostra cena è iniziata con un immancabile spritz ed è terminata con un ottimo dolce, arricchito di foglie di basilico.

Come sai, dal 2011 amo raccontare le peculiarità del territorio padovano/veneto, portando in luce attraverso esperienze dirette le unicità che lo contraddistinguono. Continua a leggere questo post per scoprire Di Rocco Bistrot, le scelte stilistiche di questo locale di Noale e del suo eccellente proprietario, lo chef Davide di Rocco.

Davide Di Rocco e lo staff di Di Rocco Bistrot

Di lui avevo sentito parlare alla recente edizione di “Salone dei Sapori”, il digital food festival tenutosi a Padova a maggio 2020, ed ora con piacere lo scopro al timone di un locale che stupisce per l’eleganza delle sue pietanze e la suggestiva cornice. Chef Davide Di Rocco ha un curriculum importante alle spalle e un obiettivo chiaro: emozionare con i suoi piatti.

Con la mia cucina posso: emozionare, ricordare, condividere, ma soprattutto cerco di donare agli ospiti una parte della mia passione.
Chef Davide Di Rocco

Ph. courtesy diroccobistrot.com

Cà Matta, un edificio storico di fronte alla Rocca dei Tempesta

Di Rocco Bistrot si trova nel centro di Noale, a pochi metri dalla Piazza Centrale dove c’è un comodo parcheggio. Il locale è inserito all’interno di un edificio storico sapientemente recuperato e che mantiene il suo “sapore” antico senza però trascurare elementi di grande modernità. Una modernità non sfacciata e che si integra perfettamente con il carattere secolare della struttura.
La cura di ogni piccolo dettaglio si avverte al primo varco: ogni tavolo è addobbato con fiori freschi, la selezione musicale è gradevole, le luci sono di un’intensità che non disturba e l’accoglienza è fatta con il sorriso.
L’affaccio esterno è qualcosa di unico: il giardino estivo è esattamente a ridosso della duecentesca Rocca dei Tempesta, nota anche come Rocca di Noale, e il suo antistante scorcio fluviale sono l’elemento WOW di questo elegante ristorante nella provincia di Venezia. Una cornice storica, architettonica e paesaggistica di livello che crea la giusta atmosfera per vivere momenti magici con la famiglia, gli amici, il partner.

Il menu: stagionale, variegato, elegante 

Dal menu stagionale, mio marito ed io abbiamo selezionato una rosa di diverse proposte, sia di mare sia di terra. Per mio figlio invece, 8 anni e non proprio di “bocca buona”, come si suol dire da queste parti, abbiamo chiesto un piatto di bigoli al ragù. Non erano in lista, ma ci sono stati preparati comunque con cura e presentati con altrettanta fantasia.
Abbiamo molto gradito l’entrée offerta dal locale, un piatto a base di anguria, pomodori confit e cacio. È incredibile come questi ingredienti insieme creino una delicata sinfonia di sapori.

Le nostre scelte per una cena estiva:

Per me

  • Crostatina vegetariana con salsa al parmigiano (davvero eccellente, sia nell’impeccabile forma, sia nel gusto!);
  • Tortello alle ortiche, burrata e pomodori (sapori delicati e molto ben integrati tra loro);
  • Cheesecake ai frutti di bosco e basilico (il basilico è quel quid che “accende” il dolce).

Per mio marito

  • Cicchetti: Baccalà mantecato su polenta e gambero croccante con salsa maionese al wasabi (strepitosi!);
  • Spaghetti alla pescatora (a base di pesce freschissimo);
  • Frittura di pesce con verdure (abbondante e variegata).
  • Un vino bianco fermo, eccellentemente consigliato dal sommelier, un Gewürztraminer – Alois Lageder, molto apprezzato.

Trovo azzeccata l’idea di avere un numero tutto sommato ristretto di piatti a menu a fronte di un’altissima qualità. Il menu alla carta infatti, offre una rosa di alcuni piatti per tipologia, non troppi, il che a mio avviso è vincente oltre a semplificare la selezione.

Un bristot eccellente, già proiettato verso l’inevitabile passaggio a gourmet. Non mi stupirei di veder arrivare anche una prima stella Michelin.

LINK E INFO UTILI

www.diroccobistrot.com
Via Ca’ Matta, 15/17
30033 Noale VE

Per info e prenotazioni
041 8892058

Post in collaborazione con Di Rocco Bistrot

Cristina Papini


PH Galline Padovane (salvo dove diversamente segnalato)
Resta in contatto: Facebook – Instagram – Condividi usando #gallinepadovane
Iscriviti alla newsletter